Nonostante in commercio siano arrivati ormai da molti anni i piani cottura ad induzione, sono ancora oggi numerose le case in cui si sfrutta il gas per la cottura degli alimenti. Se avete i fornelli a gas e siete amanti della buona cucina, probabilmente le vostre bollette sono molto salate! Che fare? Abbiamo deciso di descrivervi queste 5 abitudini per risparmiare sul gas che vi consentiranno finalmente di ridurre il prezzo delle vostre bollette!

Ecco le 5 abitudini assolutamente da seguire:

  1. Scelta delle pentole. Chissà quante pentole possedete! Tante, sicuramente tante. Eppure spesso capita che la maggior parte delle persone in realtà ne utilizzi un paio appena, pensando che dopotutto una pentola valga l’altra. Niente di più sbagliato. Sono i grandi chef a dirlo: ogni pietanza e ogni genere di ricetta ha la sua pentola ben precisa. Non si tratta però solo di tecniche culinarie e della possibilità di portare in tavola le ricette in assoluto più gustose. No, si tratta anche di risparmio energetico. Se dovete, giusto per fare un esempio, bollire l’acqua per fare la pasta ad un bambino di 4 anni, è del tutto inutile mettere sul fornello la pentola che utilizzereste per far bollire l’acqua per la pasta di tutta la famiglia. Un piccolo pentolino è più che sufficiente per la poca quantità di pasta che dovete cuocere. L’acqua così bollirà molto più in fretta e voi avrete risparmiato non poco gas. Ricordate inoltre di scegliere la pentola anche in base al fornello che avete a disposizione in quel momento. Se tutti i fornelli sono occupati ed è rimasto solo quello di più grandi dimensioni, non utilizzatelo per una piccola pentola. Il rischio infatti è di consumare gas in eccesso.
  2. Pentole sempre asciutte e ingredienti a temperatura ambiente. Molte persone sono solite lavare le pentole e metterle poi ancora bagnante sul fornello. Così si asciugano e si scaldano allo steso tempo e possono subito essere utilizzate per la preparazione di una nuova ricetta! No, mettendo le pentole bagnate sul fornello, consumate molta più energia, perché non è affatto vero che la pentola mentre di asciuga si scalda. Sempre meglio quindi asciugare la pentola in modo accurato e poi metterla sul fuoco. Se possibile, cercate di non mettere in pentola inoltre gli ingredienti appena tolti dal frigorifero. Hanno bisogno di più tempo rispetto agli ingredienti a temperatura ambiente per arrivare alla giusta temperatura e questo significa maggiori consumi.
  3. Non cuocere sempre a fiamma alta. È importante ricordare che la fiamma alta va bene solo per alcune tipologie di ricette o per momenti ben precisi della preparazione di un piatto. La fiamma alta va bene se dovete ad esempio portare al giusto calore la gratella oppure se dovete friggere. Nel caso di cotture un po’ più lunghe e lente, tenere la fiamma alta non è solo deleterio per i vostri ingredienti che infatti possono bruciarsi e rovinarsi, ma anche per i vostri consumi.
  4. L’importanza della pentola a pressione. Non tutti la usano quotidianamente, ma la pentola a pressione è un valido alleato contro i consumi eccessivi di gas. Con la pentola a pressione infatti è possibile bollire le verdure oppure preparare un buon bordo nella metà del tempo!
  5. Per ultimo, ma non per questo meno importante, ricordate sempre di andare alla ricerca ogni anno delle migliori offerte sul gas. Grazie al libero mercato, non avete vincoli di alcun genere, e potete cambiare il fornitore di gas ogni volta che lo desiderate. Confrontando annualmente le tariffe, magari tramite gli appositi siti internet di comparazione dei prezzi, potete scegliere il prezzo migliore. In questo modo eviterete che le bollette diventino più costose e riuscirete a risparmiare molto.